Home

La nuova generazione di impianti in silicone altamente coesiva è molto sicura: da un lato, la parete è molto resistente; dall’altro, la massa interna in silicone è talmente rigida che, anche se la parete è strappata, non si diffonde nel corpo.

La scelta di una protesi mammaria determina la scelta della tecnica chirurgica, che è comunque adattata alla vostra anatomia e alle vostre preferenze. In clinica i chirurghi plastici utilizzano solo impianti di altissima qualità. La loro forma, il loro volume e la loro qualità determinano il risultato finale.

Durante il consulto di ammissione, voi e il chirurgo plastico determinerete il tipo di impianto, il volume e la forma che vi darà il risultato più bello.

Durante il consulto, lei e il chirurgo scegliete la posizione esatta della protesi per la vostra Mastoplastica additiva !

Ci sono tre possibilità:

Di fronte al muscolo pettorale: sotto il tessuto ghiandolare, sul muscolo pettorale grande (pettorale).
Dietro il muscolo pettorale: sotto il muscolo pettorale grande.
Doppio piano: in parte sotto e in parte sopra il grande muscolo pettorale.

Nessun metodo è intrinsecamente migliore di un altro: la scelta dipende dalla vostra situazione personale. Tutto questo sarà naturalmente discusso a lungo con voi.

Protesi mammarie

Le protesi mammarie anatomiche (a forma di goccia) sono utilizzate più spesso delle protesi circolari (rotonde) per l’aumento del seno.

Le protesi mammarie a forma di goccia hanno una forma anatomica: sono spesso utilizzate per l’aumento ricostruttivo del seno, ad esempio dopo un tumore al seno.

Per l’aumento cosmetico del seno, i nostri chirurghi generalmente preferiscono le protesi mammarie rotonde per vari motivi:

Sono più morbidi e sembrano più naturali al tatto rispetto agli impianti anatomici, più duri;
Anche se ruotato o spostato, l’impianto rotondo non mostra alcun cambiamento estetico. Questo non è il caso degli impianti a forma di goccia che, se ruotati, non sono più perfettamente simmetrici;
Il centro di gravità degli impianti a forma di goccia è più basso del centro dell’impianto. Questo aumenta il rischio di cedimento del seno dopo qualche anno.

La forma più bella e naturale del seno si ottiene con una protesi rotonda, soprattutto quando la donna è in piedi. Da sdraiati, i seni tendono ad allargarsi leggermente verso l’esterno.

Una protesi mammaria rotonda conferisce al seno una forma, una posizione e un movimento armonico, che si avvicina maggiormente all’effetto ottenuto da un seno naturale.

Quanto sono grandi le cicatrici?
Non c’è bisogno di una grande incisione! Ogni protesi può essere impiantata attraverso un’incisione di circa 3 cm.
Decidete insieme al chirurgo dove volete che sia fatta l’incisione: sul capezzolo, nella piega sotto il seno o nell’ascella. Una piccola incisione nel capezzolo o nella piega sotto il seno è la meno visibile a lungo termine ed è il modo migliore per nascondere la presenza di impianti.

Brasile ? Paese di nascita della chirurgia plastica ?

Rio de Janeiro non è per tutti. In una città con alcune delle spiagge più famose del mondo (Ipanema, Copacabana) e dove l’estate dura quasi tutto l’anno, il culto del corpo è – inevitabilmente – onnipresente. E con essa, la sua parte di sofferenza. Ogni giorno i Cariocas si allenano nei parchi, nuotano, corrono, insomma, tutto ciò di cui hanno bisogno per mantenersi in forma e corrispondere così all’immaginario collettivo. Corpi sodi, abbronzati, vita sottile e glutei tonici, con, se possibile, un petto largo e i capelli al vento. Uno stereotipo venduto a livello internazionale, per il quale i brasiliani ne pagano il prezzo ogni giorno.
E a ragione: la chirurgia estetica è uno dei settori più resistenti alla crisi in Brasile. Secondo nella classifica internazionale dopo gli Stati Uniti, il Paese registrerà più di due milioni di procedure nel 2014, ovvero il 10% del totale mondiale. E se le donne sono i clienti principali, gli uomini sono sempre meno lasciati indietro. In cima alla lista ci sono Rio e San Paolo, le due capitali economiche del Paese. Per quanto riguarda la procedura più richiesta, se non viene tralasciata nessuna parte del corpo, dalla punta del naso ai trapianti di capelli e alla ginecomastia, la mammoplastica è, non sorprende, in cima alla lista.
In un mondo ideale, nessuno dovrebbe cambiare il proprio aspetto per soddisfare i canoni di bellezza, soprattutto se si pensa ai costi e ai pericoli della chirurgia estetica. Ma come ci diranno le donne che abbiamo incontrato, la chirurgia plastica può diventare anche un mezzo di espressione e, soprattutto, di acquisire fiducia in se stessi.
E se la scelta di modificare il proprio corpo fosse tanto sinonimo di libertà quanto di accettazione di sé stessi?